prospettiva-diritto-slide-04

Valori, persone, competenze.
Lo Studio.

Prospettiva Diritto.

La visione comune che ispira gli avvocati Federico Viero, Otello Dal Zotto, Simone Veronese e Andrea Massalin nella conduzione dello Studio è semplice: lo strumento dell’associazione professionale, in cui inserire nel tempo collaboratori di provata esperienza, risulta il più efficace per prestare puntuale e tempestiva assistenza alla clientela, dalla formulazione di un parere tecnico fino alla redazione di contratti ed alla tutela giudiziaria dei diritti. Il singolo professionista, in ragione della crescente complessità del sistema normativo nazionale e comunitario e del continuo mutare degli orientamenti giurisprudenziali, non è infatti più in grado di operare nel mercato con la necessaria competenza e il costante aggiornamento.

Perché Prospettiva Diritto?

È la sintesi di una idea che ispira, motiva e accomuna il nostro modo di intendere la professione di avvocato. La società cresce e si modifica, spesso in modo più veloce rispetto al sistema normativo. Per questo motivo oggi è necessaria una visione strategica, globale delle soluzioni possibili.
Solo un professionista attento all’intera evoluzione del sistema, pronto all’aggiornamento tempestivo, capace di lavorare in sinergia, è in grado di costruire un servizio corretto e adeguato alle esigenze del cliente, azienda, professionista o privato.
Questa visione prospettica, a lungo termine e di ampio respiro, unisce i professionisti di Prospettiva Diritto e ispira le loro iniziative di formazione continua, di specializzazione in aree tematiche e di lavoro in team.
Nell’applicazione di questi principi alla pratica legale quotidiana dello Studio si sono seguite linee direttive complementari: specialità e uniformità.

Specialità.

Lo Studio assicura una gestione qualificata di ciascuna pratica, affidata al singolo professionista, che, in base ad esperienze e competenze maturate nelle diverse aree tematiche, meglio si presta a seguirla; con la sua direzione l’attività è svolta in dipartimenti di competenza e specializzazione e team di lavoro, così da garantire il più completo esame di ogni questione attinente alle singole problematiche.
Lo scopo di questa organizzazione è ridurre al minimo la possibilità di errore: secondo la valutazione dei soci, condotta sulla scorta dell’esperienza, rispetto alla modalità “classica” del rapporto avvocato/cliente risulta più proficuo affrontare l’esame delle vertenze in maniera collegiale.
Il costante confronto tra due/tre professionisti, soprattutto per le questioni che presentano particolari difficoltà tecniche o richiedano un approccio multidisciplinare, appare il modo migliore per approntare la più efficace strategia difensiva.
Tutto ciò consente di assicurare un servizio competente in massimo grado, finalizzato a soddisfare le esigenze di ciascun cliente.
Particolare attenzione viene posta inoltre al rispetto delle tempistiche d’evasione dei singoli adempimenti, fissate nel regolamento interno, essendo convinzione condivisa che una risposta soddisfacente alle aspettative della clientela non possa mai trascurare il “fattore tempo”.

Uniformità.

Sotto il secondo profilo, lo Studio ha adottato, nella gestione di tutte le pratiche, una modalità uniforme. Per ciascuna posizione i dati anagrafici e fiscali dei clienti e delle controparti (trattati nel rispetto della normativa sulla privacy) vengono immediatamente raccolti e inseriti nel singolo fascicolo e nel sistema informatico gestionale. Lo stesso accade per ogni scadenza processuale e per ogni atto giudiziario.
Ciò consente di monitorare in tempo reale la storia e i dati di ciascun fascicolo e soprattutto, con l’adozione di procedure uniformi, previste e disciplinate dal regolamento interno sopra richiamato, viene ridotto al minimo il rischio di errori e/o disguidi.

Certificazione UNI EN ISO 9001:2008

Nel corso del 2013 l’esperienza maturata e i processi di lavoro dello Studio, progressivamente affinati negli anni, sono stati certificati ai sensi della normativa UNI EN ISO 9001:2008 dall’ente certificatore Certiquality.

ISO9001_nuovo2016b

Prospettiva Diritto è stato il primo studio legale della provincia di Vicenza e uno tra i pochi nel territorio nazionale ad aver ottenuto tale attestato di certificazione della qualità, frutto di un lungo e impegnativo percorso, che la direzione dello Studio ha deciso di intraprendere nell’intento di assicurare alla propria clientela un servizio sempre più competente e accurato.

Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ)

Per desiderio della Direzione di Studio, noi sottoscritti Avv. Ti Federico Viero, Otello Dal Zotto e Simone Veronese titolari dell’Associazione professionale (nota anche con il brand di Prospettiva Diritto) ci impegniamo ad intraprendere le opportune scelte ed azioni aventi per fine di garantire la corretta revisione ed integrazione del Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) di Studio secondo i nuovi requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2015 (Sistema di gestione per la qualità – Requisiti), anche al fine del rinnovo della conseguita certificazione di conformità, come rilasciata da Certiquality il 24 luglio 2013.
Detto sistema è stato rivisto in conformità ai requisiti di cui alla norma tecnica ed internazionale ISO di riferimento ed. 2015, nel perseguimento della nostra comune e condivisa Vision, in allineamento al Contesto di riferimento di Studio, nel rispetto dei requisiti cogenti e degli interessi del Cliente e dei diversi altri Stakeholders rilevanti, in modo da rappresentare il quadro di riferimento per gli obiettivi per la qualità e per indirizzi di Leadership e strategici perseguiti dalla Direzione.
Detto SGQ ha per obiettivo il miglioramento dell’organizzazione dello Studio, che si traduce in una migliore gestione dei processi principali ed in una maggiore performance delle risorse umane oltrechè in migliori modalità operative adottate dal nostro Studio, per fornire ai Clienti servizi legali la cui qualità soddisfi in modo continuativo i loro requisiti, le loro necessità e le loro aspettative in termini di eccellenza ed a prezzi competitivi, nel rispetto dei nostri valori, della nostra etica professionale ed anche delle norme deontologiche e di legge professionale forense applicabili.
Una migliore organizzazione dello Studio sarà prodromica ad una maggiore performance (cioè migliore rapporto tra impegno e risultato) e ad una maggiore consapevolezza, con ricadute positive in termini di efficienza (cioè minor tempo impiegato per svolgere le pratiche) ed efficacia (principalmente maggiore qualità sostanziale ed operativa).

_

Detto tempo potrà essere speso per svolgere più pratiche e/o attività di formazione e/o attività di consolidamento dell’immagine dello Studio sul mercato e/o per ricercare nuovi mercati e/ realizzare nuovi processi rilevanti (quali il marketing e la comunicazione esterna, il business development, il risk management, il controllo di gestione).
Ai fini dell’ottenimento dei comuni propositi viene quindi adottato un rinnovato SGQ conforme allo standard ISO di riferimento edizione 2015, da applicare all’organizzazione nel suo complesso, secondo i requisiti di normativa cogente e tecnica ripresi e/o formalizzati nelle “informazioni documentate” di dotazione, con relativa comunicazione delle stesse a tutte le risorse operative di Studio, in modo da rendere tutti i diversi livelli funzionali di riferimento, consapevoli e partecipi nelle rilevanti innovazioni introdotte, nel rispetto del principio ispiratore del nostro agire, improntato al miglioramento continuo dei servizi offerti e ad una sempre migliore professionalità delle nostre risorse.
Per il conseguimento di un tale livello di qualità organizzativa è necessario raggiungere la collaborazione fra tutti i settori operativi e tutte le persone impiegate dallo Studio (Direzione, avvocati, praticanti, dipendenti e fornitori esterni continuativi), facilitando la comunicazione interna ed esterna, anche trasmettendo a tutti il nostro desiderio di miglioramento, differenziazione e competitività.
Questo impegno verrà periodicamente rivisto ed aggiornato allo scopo di garantirne l’adeguatezza all’eventuale mutare delle condizioni di Contesto, di visione strategica e di metodologia di Studio.